Pavimenti in resina, impianti omologati FIT - InstantGreen
332
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-332,bridge-core-2.1.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-20.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
 

Impianti in Resina

Il campo “veloce”.

Con il termine “campo in resina” o “campo veloce” si indica comunemente un impianto sportivo con una superficie in resina acrilica idrosolubile o in resina poliuretanica bicomponente, applicata su un sottofondo in asfalto o cemento.

Già in uso negli USA durante gli anni ’60, prende piede nel nostro paese verso la fine degli anni ’70, soprattutto per la quasi assenza di manutenzione e la possibilità di gioco anche nei periodi invernali.

Una buona elasticità, una notevole proprietà antisdrucciolo anche con superficie bagnata, un rimbalzo sempre omogeneo della palla e la vasta gamma di colorazioni possibili, fanno della resina una pavimentazione che ben si adatta ad una moltitudine di utilizzi: campi di tennis, pallacanestro, pallavolo, polivalenti, fino alle piste ciclabili e quelle di pattinaggio.

Realizzazione

La realizzazione dei pavimenti in resina prevede una perfetta preparazione del sottofondo. Instant Green, si occupa con meticolosa cura di queste lavorazioni preliminari. Dalla posa di 25 – 30 cm di inerti selezionati infatti, i vari strati vengono già impostati con le dovute pendenze, fondamentali in questo tipo di impianti dove lo smaltimento delle acque avviene per scorrimento orizzontale. Sul sottofondo così ottenuto, opportunamente rullato e rettificato, viene quindi applicato un primo strato di asfalto di tipo ”bynder”. Uno spessore costante ed uniforme del bynder è la condizione per la buona riuscita del secondo strato di tipo “tappetino”. Attesi i tempi tecnici per l’ossidazione del manto bituminoso, la superficie è pronta per l’applicazione del rivestimento sintetico finale.

PRIMA DEL LAVORO
DOPO IL LAVORO

Finitura

L’applicazione delle resine, effettuata da operai specializzati, avviene colando in opera il prodotto in vari strati a mani incrociate, con appositi spatole di grandi dimensioni, fino al raggiungimento dello spessore desiderato. Il campo di gioco viene poi ultimato con l’applicazione di una mano di finitura, per rendere uniforme l’effetto cromatico ed il tracciamento delle linee di gioco.

L’impianto certificato

I sistemi da noi usati sono certificati ITF (International Tennis Federation), omologati FIT (Federazione Italiana Tennis), FIRS (Fédération Internationale de  Roller-Sports) CERS (Confédération Européenne de Roller Skating) e FIHP (Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio).

Il concetto di qualità sempre al primo posto dei nostri obiettivi, il gioco veloce e la piacevolezza del risultato estetico, la durata nel tempo, daranno il risultato di un campo in resina qualitativamente e tecnicamente superiore.

REALIZZA SUBITO

IL TUO CAMPO!

compila il modulo di contatto e chiedi tutte le informazioni che vuoi per i pavimenti in resina, risponderemo ad ogni tua domanda e fugheremo ogni tuo dubbio.

Insieme sceglieremo la soluzione migliore per il tuo nuovo impianto sportivo!

Se vuoi puoi anche telefonarci direttamente o inviare una mail.